5 donne che ci ispirano a viaggiare

5 donne che ci ispirano a viaggiare

Oggigiorno sono in viaggio moltissime donne che viaggiano da sole, ma non è sempre stato facile. Ecco 5 donne che hanno aperto nuove strade e ci hanno ispirato a viaggiare.

Quando si tratta di viaggiatori del mondo che hanno lasciato un segno nel nostro panorama sociale, i ragazzi di solito ottengono tutto il merito. Ma perché lasciarli divertire? È difficile non imbattersi in un'altra donna sulla strada in questi giorni, e siamo in debito con quelli che ci hanno preceduto in tempi meno indulgenti che hanno mostrato al mondo che l'avventura non è uno sport esclusivo. Ecco 5 donne che hanno aperto nuove strade e ci hanno ispirato a viaggiare.

# 1 Laura Dekker

fontefonte

La storia di questa adolescente neozelandese sembrerà così incredibile, penseresti che me la stia inventando. Ma la mia immaginazione non ha niente su Laura Dekker, che è diventata la persona più giovane a circumnavigare il globo da sola in barca a vela. E aveva solo 14 anni!

Dekker ha annunciato i suoi piani per viaggiare da sola nel mondo nel 2009, ma i tribunali della Nuova Zelanda hanno deciso che era troppo giovane per fare una cosa del genere e ha contrastato i suoi piani, ma non per molto.


Si sono pronunciati a suo favore l'anno successivo e lei è partita due settimane dopo, dicendo: "Certo, ci sono persone che dicono che sei pazzo, ma è un sogno. Un grande, grande sogno. Voglio navigare, voglio fare il giro del mondo. Voglio vedere tutti i posti e non sempre la stessa stupida cosa. "

# 2 Junko Tabei

Junko Tabei è una leggenda. Nato come quinto di sette figli nel Giappone del 1930, quando una vita di avventura era considerata un sogno inadatto per le giovani ragazze, Tabei fu bollato come un bambino debole. Ma nonostante queste aspettative, gli anni della guerra e la sua statura di 4 piedi e 9 pollici, divenne la prima donna a mettere piede sulla cima del mondo-Mt. Everest.

Una volta raggiunta la vetta, disse notoriamente: "Non riesco a capire perché gli uomini facciano tutto questo clamore sull'Everest". Ma la scalata non è arrivata senza le sue sfide. Tabei e la sua squadra di sole donne furono bloccati sotto una valanga che colpì il suo inconscio fino a quando sei sherpa la trascinarono per le caviglie per salvarla. "Non appena ho saputo che tutti erano vivi, ero determinato a continuare." Ha letteralmente strisciato fino in cima 12 giorni dopo.


# 3 Diana Nyad

fontefonte

Quando si tratta di donne feroci che ci ispirano, Diana Nyad è la prima a venire in mente. Un atleta inarrestabile che ha affrontato sfide dopo sfide fin dall'infanzia, Nyad ha fatto notizia nel 2011 quando ha nuotato per 103 miglia dalla Florida a Cuba senza una gabbia di squalo.

Combattendo le punture di meduse, la corrente del Golfo e la logica pura, è sopravvissuta a 51 ore e 5 minuti di nuoto dritto. L'ormai famoso mantra che l'ha fatta andare avanti e ha ispirato legioni di fan? "Trovare un modo."

# 4 Rosmarino Saal

Nell'estate del 2013, la 21enne alpinista Rosemary Saal si è unita alla prima squadra afroamericana per tentare la vetta più alta del Nord America, il Monte. McKinley (più comunemente noto come Denali,) in Alaska. Il mese scorso, Saal, insieme al compagno di squadra Scott Briscoe, ha accettato un Outdoor Inspiration Award a nome dell'intera spedizione.


"Sento che molte persone di colore hanno la mentalità di non" appartenere "all'aria aperta", afferma Saal. “Quando lo sport è stato sviluppato ed esplorato per la prima volta, il tradizionale partecipante era un maschio bianco. Sono stereotipi come questi che perpetuano l'idea che il POC non abbia un posto all'aperto. Cerchiamo di cambiare quella visione, o almeno di iniziare. "

# 5 Nellie Bly

fontefonte

Nata Elizabeth Jane Cochran nel 1864, la storia di Nellie Bly è tanto scandalosa quanto stimolante. Giornalista investigativa, autrice e viaggiatrice mondiale, ha fatto di tutto per realizzare i suoi sogni, anche posando sotto copertura come malata di mente in un manicomio di una donna nell'isola di Blackwell a New York. Il suo articolo e il libro successivo, Dieci giorni in una casa pazza, ha portato a riforme che hanno migliorato le condizioni dell'istituzione.

Mentre il calvario ha raccolto il suo rispetto e la fama, la sua acrobazia seguente l'ha resa infame. Nel 1889, prese la protagonista di Jules Verne Intorno al mondo in 80 giorni per guidare e girare il mondo in treno, nave e burro in 72 giorni da record.

Tonnellate di donne giramondo hanno spianato la strada a persone come te e me per distruggere gli stereotipi e vedere il mondo. E anche se non dobbiamo nuotare da un continente all'altro o salire le Sette Cime per dimostrare che siamo altrettanto coraggiosi, i loro viaggi continuano a ispirarci a fare quel primo passo. Allora, cosa stai aspettando?

Foto di copertina: www.pinterest.com

Annalisa - Direzione la vita (Official Video) (Gennaio 2022)


Tag: donne di ispirazione che viaggiano da sole

Articoli Correlati